Chi Siamo

PAM (Prima Archelologia del Mediterraneo) è un’associazione Onlus, presieduta da Sebastiano Tusa, sorta d’intesa con il comune di Partanna, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, l’Università di Cordoba e con le Soprintendenze del Mare e di Trapani. L’associazione, oltre alla promozione, la conoscenza e la valorizzazione dei siti archeologici del territorio, intende rilanciare gli studi di archeologia mediterranea in una prospettiva multi-areale, multi-disciplinare e con una prospettiva antropologica comparativa tra passato e presente, in modo che si possa far avanzare gli studi sulla conoscenza della comune civiltà mediterranea. Nel 2010 anche la Provincia regionale di Trapani ha aderito all’associazione, assegnandole, tra l’altro, la consulenza scientifica e la redazione della prestigiosa rivista “Sicilia archeologica”, che è così di nuovo in edicola. L’Associazione, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, ha peraltro ricevuto l’incarico di promuovere l’Area Archeologica di Partanna, contribuendo alla creazione e realizzazione degli scopi di questa struttura attraverso lo svolgimento di una funzione di coordinamento gestionale che analiticamente si può definire attraverso le seguenti attività:

  • Coordinamento delle attività di apertura al pubblico e fruizione del sito
  • Istruzione del personale addetto alle visite
  • Coordinamento delle attività di volontariato
  • Redazione di una guida cartacea per adulti e una guida didattica per bambini da effettuare su testi scientifici forniti dal PAM
  • Organizzazione e gestione della comunicazione a mezzo web e avvisi da porre nelle principale zone turistiche della provincia
  • Coordinamento del servizio informativo a mezzo guide locali da impiegare a richiesta del pubblico.
  • Valorizzazione del patrimonio storico culturale, promozione e tutela dell’area Archeologica di c.da Stretto e del Museo della Preistoria del Basso Belice ubicato nei locali del Castello Grifeo
  • Orientamento scientifico e culturale delle iniziative da intraprendere relative al sito di c.da Stretto e al Museo della Preistoria del Castello Grifeo
  • Consulenza scientifica e culturale per le attività di ricerca archeologica del Comune di Partanna
  • Iniziative mensili a carattere scientifico note come “I sabati di PAM”

L’Associazione collabora fattivamente con la Soprintendenza ai BB. CC. AA. di Trapani per l’azione di promozione e fruizione del Museo Regionale di Preistoria del Belice Centro di interpretazione e valorizzazione territoriale. Le finalità dell’Associazione si esplicano nell’ambito della Regione Sicilia e dei Paesi del Mediterraneo. Le attività strumentali al perseguimento degli scopi possono svolgersi in Italia e all’estero.

L’Associazione collabora con le associazioni e le istituzioni regionali, nazionali e internazionali che si occupano del patrimonio archeologico ed ambientale.

Gli scopi dell’associazione (art. 2 dello Statuto):

L’Associazione persegue la finalità di favorire la crescita di una coscienza civile relativa al patrimonio archeologico, culturale e ambientale dell’intero territorio su cui insiste la città di Partanna e del Basso Belice, contribuendo attivamente alla sua conservazione, tutela e conoscenza.

L’Associazione intende, inoltre, progettare ed organizzare, direttamente o indirettamente, attività di ricerca che possano contribuire all’arricchimento, alla promozione, alla conoscenza e alla valorizzazione dell’intero patrimonio culturale ed archeologico della città e del suo territorio in un contesto Mediterraneo, favorendo, tra l’altro, il confronto e la collaborazione con enti ed istituzioni locali, regionali, nazionali ed internazionali.

Le attività strumentali, accessorie e connesse (art. 3 dello Statuto):

Per il raggiungimento dei suoi scopi l’Associazione potrà, tra l’altro:

a) Stipulare ogni opportuno atto o contratto, anche per il finanziamento delle operazioni deliberate, tra cui, senza l’esclusione di altri, l’assunzione di prestiti e mutui, a breve e lungo termine, l’acquisto, in proprietà o in diritto di superficie, di immobili, la stipula di convenzioni di qualsiasi genere anche trascrivibili nei pubblici registri, con enti pubblici o privati, che siano considerati opportuni ed utili per il raggiungimento degli scopi dell’Associazione;

b )Amministrare e gestire i beni di cui sia proprietaria, locatrice, comodataria o comunque posseduti;

c) Stipulare convenzioni o partecipare a gare per l’assunzione dei servizi comuni ai siti archeologici e museali;

d) Partecipare ad associazioni, fondazioni, enti e istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente, al perseguimento di scopi analoghi a quelli dell’Associazione medesima; l’Associazione potrà, ove lo ritenga opportuno, concorrere anche alla costituzione degli organismi anzidetti;

e) Costituire ovvero partecipare a società di capitali che svolgano in via strumentale ed esclusiva attività dirette al perseguimento degli scopi statutari, secondo le disposizioni di legge;

f) Promuovere, organizzare o gestire per conto terzi, siano essi soggetti pubblici o privati, seminari, corsi di formazione, di studio e di specializzazione, manifestazioni, convegni, incontri e concorsi di idee, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti e documenti, e tutte quelle iniziative idonee a favorire un organico contatto tra l’Associazione, il sistema culturale e museale nazionale e internazionale, i relativi addetti e il pubblico;

g) Stipulare convenzioni per l’affidamento a terzi di parte di attività;

h) Istituire premi e borse di studio;

i) Svolgere, in via accessoria e strumentale al perseguimento dei fini istituzionali, attività di commercializzazione, anche con riferimento al settore dell’editoria e degli audiovisivi in genere;

j) Svolgere ogni altra attività idonea ovvero di supporto al perseguimento delle finalità istituzionali.